Crisi, Bruxelles: ”Già domani missione a Roma per intensificare i controlli” – Adnkronos Economia

Bruxelles, 7 nov. – (Adnkronos/Ign) –Europa in pressing sull’Italia. “Invieremo domani o mercoledì a Roma una missione tecnica con il compito di intensificare la vigilanza” sull’attuazione delle misure promesse dall’Italia. Lo ha annunciato il commissario europeo agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, assicurando che Bruxelles “lavorerò per sostenere l’Italia nei suoi sforzi per garantire stabilità, crescita e occupazione”. Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti “ci ha rassicurato sulla determinazione del governo ad attuare le misure” contenute nella lettera all’Ue del 26 ottobre scorso. ha aggiunto Rehn, precisando di aspettarsi che “il governo risponda entro questa settimana al questionario che abbiamo inviato”.

La missione della Commissione Ue a Roma sarà “in parallelo” e “in più” rispetto a quella che “l’Italia ha richiesto al Fmi”, ha aggiunto il portavoce Altafaj. E andrà avanti indipendentemente dal fatto che Berlusconi possa o no dimettersi perché si tratta di una ”missione di esperti, non di politici”, per cui sono previsti “incontri con alti funzionari di diversi ministeri, lo staff non deve incontrare Berlusconi”, ha chiarito ancora il portavoce del commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn.

L’Eurogruppo, riunito oggi a Bruxelles, deve essere informato sulle “intenzioni del governo italiano“, ha detto il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker prima della riunione di oggi che puntava i riflettori proprio su Italia e Grecia. Al termine dell’incontro lo stesso Junker ha fatto sapere che i ministri delle finanze europei “hanno accolto con favore la decisione della Commissione europea di intensificare il monitoraggio, in collaborazione con la Bce, e la decisione dell’Fmi di svolgere una verifica pubblica di attuazione delle politiche con cadenza trimestrale”.

Le sollecitazioni all’Italia non arrivano solo da Juncker. Prima di lui, parole perentorie erano arrivate da un portavoce della commissione europea. ”Attendiamo con ansia di sentire dal ministro Tremonti”, nella riunione dell’Eurogruppo di oggi, ”come e quando l’Italia intende attuare le misure contenute nella lettera all’Ue”.

Nei giorni scorsi “abbiamo inviato alle autorità italiane un questionario – ha precisato ancora Altafaj- nel quale abbiamo chiesto chiarimenti sulle misure contenute nella lettera di intenti” che il governo italiano ha inviato a Bruxelles il 26 ottobre scorso. Nel questionario, ha detto ancora il portavoce, “abbiamo chiesto tempi, azioni concrete e impatto sul bilancio“.