Titolo: Prendete il volo dalla lotta politica europea

Original text:

Markets InsightNovember 15, 2011 4:53 pm Take flight from Europe’s policy foodfight
By Bill Gross

A 12-year-old coffee mug has a permanent place on the right corner of my office desk. Given to me by an Allianz executive to commemorate Pimco’s marriage in 1999, it reads: “You can always tell a German but you can’t tell him much.”
It was hilarious then, but less so today given the events of the past several months, which have exposed a rather dysfunctional euroland family. Still, my mug might now legitimately be joined by others that jointly bear the burden of dysfunctionality.
MoreOn this storyMerkel urges stronger union to back euroInvestors doubt Monti can turn tide for ItalyBrussels to unveil curbs on rating agenciesMarkets Insight Time to end death spiralChina’s aluminium imports poised to soarOn this topicPoliticians wary of joining Monti cabinetGlobal Insight Merkel delights her party but not LondonMonti wins backing for caretaker governmentGrowth data fail to dispel eurozone fears
“Beware of Greeks bearing gifts” could be one; “Luck of the Irish” another; and how about a giant Italian five-letter “Scusi” to sum up the current predicament?
The fact is that euroland’s fingers are pointing in all directions, each member believing they have done more than their fair share to resolve a crisis that appears intractable and never-ending. The world is telling them to come together; they’re telling each other the same; but as of now, it appears that you can’t tell any of them very much.
The investment message to be taken from this policy foodfight is that sovereign credit is a legitimate risk spread from now until the “twelfth of never.”
Standard and Poor’s shocked the world in August downgrade of the US – one of the world’s cleanest dirty shirts – to double A plus. But what was once an emerging market phenomenon has long since infected developed economies as post-Lehman deleveraging exposed balance sheet excesses of prior decades.
Portugal, Italy and Greece hit the headlines first, but “new normal” growth that was structurally as opposed to cyclically dominated exposed gaping holes in previously sacrosanct sovereign credits.
What has become obvious in the last few years is that debt-driven growth is a flawed business model when financial markets no longer have an appetite for it. In addition to initial conditions of debt to gross domestic product and related metrics, the ability of a sovereign to snatch more than its fair share of growth from an anorexic global economy has become the defining condition of creditworthiness – and very few nations are equal to the challenge.
It was in this “growth snatching” that the dysfunctional euroland family was especially vulnerable. Work ethic and hourly working weeks aside, the euroland clan has long been confined to the same monetary house. One rate, one policy fits all, whereas serial debt offenders such as the US, UK and numerous G-10 others have had the ability to print and “grow” their way out of it.
Beggar thy neighbour if necessary was the weapon of choice in the depression, and it has conveniently kept highly indebted sovereigns with independent central banks afloat during the past few years as well. Depressed growth with more inflation, perhaps, but better than the alternative straitjacket in euroland.
As currently structured, euroland’s worst offenders now find themselves at the feet of a Germanic European Central Bank that cannot be told to go all-in and to print as much and as quickly as America and its lookalikes.
The European Union’s imposed fiscal solution is to “clean up your act”, but, in the process, to impose years of deflationary relative wage policies on a rather spoiled southern citizenry. Perhaps they will stand for it, perhaps they won’t. But, as time winds on, a rather permanent credit spread of damaging proportions threatens these economies with higher bond market yields, increasing rather than decreasing debt to GDP levels. Sovereign creditworthiness and potential default become greater downside probabilities, indicating a greater likelihood of significant losses.
Italian bond market yields have declined as fast as they went up in the past few days , proving that technicals and market psychology are an important dynamic to consider as well. But with 10-year rates in the 6-7 per cent range – and topping 7 per cent on Tuesday – Italy would require an annual primary surplus of nearly 5 per cent in order to prevent an accelerating increase of its debt-GDP ratio. Temporary technocrats and a new prime minister have their hands full.
Investors, then, must be leery of the self-reinforcing dynamic that has many fathers and spreads much of the blame: ad hoc and insufficient policies from fiscal and monetary authorities; decades of balance sheet and savings abuse from the southern euroland periphery; unresponsive and insufficient support from supranational agencies, including the International Monetary Fund; a me-first attitude from developing nations that control global reserves. All of them join the world’s most dysfunctional family – euroland – in telling others what to do, but not listening much.
As a result, deleveraging, fiscal tightening and potential defaults are on the economic and investment horizon. Investors should be in a “risk off” mode. When this is finally over, a lot of parties will owe the world one giant “Scusi”.
Bill Gross is founder and co-chief investment officer of Pimco

TRADUZIONE

I mercati InsightNovember 15, 2011 4:53 pm

Prendere il volo dalla lotta politica di Europa
Da Bill Gross

Una tazza da caffè di 12 anni ha un posto permanente sul giusto angolo della mia scrivania. Dato me da un dirigente dell’Allianz per commemorare il matrimonio di Pimco nel 1999, legge: “Potete parlare sempre a un tedesco ma non potete dirgli molto.„
Poi era divertente, ma di meno così oggi dato agli eventi del passato parecchi mesi, che hanno esposto una famiglia piuttosto disfunzionale del euroland. Eppure, la mia tazza potrebbe ora unirsi legittimamente da altre che sopportassero insieme il carico del dysfunctionality.
MoreOn questo storyMerkel invita la più forte unione per appoggiare i euroInvestors che il dubbio Monti può girare la marea affinchè ItalyBrussels riveli i bordi su tempo di comprensione dei agenciesMarkets di valutazione di concludere le importazioni di alluminio degli spiralChina di morte sospese a soarOn questo topicPoliticians accorti dell’aggiunta del Monti la comprensione cabinetGlobal Merkel delizia il suo partito ma non LondonMonti vince la protezione per il venire a mancare di dati del governmentGrowth del guardiano per dissipare i timori di zona euro
“Guardi da dei Greci che sopportano i regali„ potrebbe essere uno; “Fortuna dell’Irlandese„ un altro; e come circa una cinque-lettera italiana gigante “Scusi„ riassumere il frangente corrente?
Il fatto è che le dita dei euroland stanno indicando in tutte le direzioni, ogni membro credendo che hanno fatto più della loro parte equa per risolvere una crisi che sembra intrattabile e senza fine. Il mondo sta dicendo loro di venire insieme; stanno dicendo lo stessi; ma a partire da ora, sembra che non possiate dire qualsiasi di loro molto.
Il messaggio di investimento da prendere da questo foodfight della politica è che il credito sovrano è un rischio legittimo sparso da oggi fino “al dodicesimo di mai.„
Standard and Poor colpito il downgrade del mondo ad agosto di quello degli Stati Uniti delle camice sporche più pulite del mondo – raddoppiare A più. Ma che cosa era una volta un fenomeno del mercato emergente da lungo tempo ha infettato le economie sviluppate come eccessi esposti deleveraging post–Lehman del bilancio di decadi priori.
Il Portogallo, l’Italia e la Grecia hanno colpito i titoli in primo luogo, ma “la nuova„ crescita normale che era strutturalmente rispetto ai fori meravigliati esposti periodicamente dominati nei crediti sovrani precedentemente sacrosanti.
Che cosa è diventato ovvio durante gli ultimi anni è che dalla la crescita guidata da debito è un modello aziendale difettoso quando i mercati finanziari più non hanno un appetito per. Oltre agli stati iniziali del debito al prodotto interno lordo ed alla metrica relativa, la capacità di un sovereign di strappare più della sua parte equa della crescita da un’economia globale anoressica si è trasformata nello stato di definizione di solvibilità – e molto poche nazioni sono adeguate alla sfida.
Era in questa “crescita che strappa„ che la famiglia disfunzionale del euroland era particolarmente vulnerabile. L’etica di lavoro e le settimane lavorative orare da parte, il clan del euroland lungamente è stata limitata alla stessa casa monetaria. L’un tasso, l’una politica misura tutti, mentre gli offensori di serie di debito quale il G-10 BRITANNICO e numeroso degli Stati Uniti, altre hanno avuti la capacità di stampare e “coltivi„ la loro uscita.
Il mendicante il tuo vicino se necessario era l’arma della scelta nella depressione e convenientemente ha tenuto i sovereigns altamente indebitati con le banche centrali indipendenti in mare durante gli anni ultimi pure. La crescita depressa con più inflazione, forse, ma migliora che la camicia di forza alternativa nel euroland.
Come attualmente strutturato, gli offensori peggiori dei euroland ora si trovano ai piedi di una banca centrale europea germanica che non può essere detta per andare tutto compreso e per stampare rapidamente tanto e quanto l’America ed i suoi lookalikes.
La soluzione fiscale imposta dell’Unione Europea è “pulisce il vostro atto„, ma, nel processo, per imporre gli anni di politiche salariali relative deflazionistiche ad una cittadinanza del sud piuttosto guastata. Forse corrisponderanno, forse non non. Ma, come venti di tempo sopra, una diffusione piuttosto permanente di credito delle proporzioni offensive minaccia queste economie per i più grandi rendimenti del mercato obbligazionario, aumentanti piuttosto che il debito diminuente ai livelli del P.I.L.Il difetto sovrano di potenziale e di solvibilità si trasforma in in maggiori probabilità lato negative, indicanti una maggior probabilità delle perdite significative.
I rendimenti italiani del mercato obbligazionario sono diminuito velocemente come sono andato su nei giorni scorsi, provando che i technicals e la psicologia del mercato sono un dinamico importante da considerare pure. Ma con i tassi di dieci anni in gamma di per cento 6-7 – e guarnizione 7 per cento il martedì – l’Italia richiederebbe un’eccedenza primaria annuale di quasi 5 per cento per impedire un aumento accelerante del suo rapporto debito-P.I.L. I tecnocrati temporanei e un nuovo primo ministro hanno loro mani in pieno.
Gli investitori, poi, devono essere cauti del auto-rinforzo dinamico che ha molti padri e sparge gran parte della colpa: politiche ad-hoc ed insufficienti dalle autorità fiscali e monetarie; decadi del bilancio e dell’abuso di risparmio dalla periferia del sud del euroland; appoggio insensibile ed insufficiente dalle agenzie sovranazionali, compreso il Fondo monetario internazionale; un me-primo atteggiamento dai paesi in via di sviluppo che controllano le riserve globali. Tutti fanno parte della famiglia più disfunzionale del mondo – euroland – nel dire altri che cosa fare, ma nell’ascolto molto.
Di conseguenza, il rafforzamento deleveraging e fiscale ed i difetti potenziali sono sull’orizzonte di investimento ed economico. Gli investitori dovrebbero essere in

modalità “fuori dal rischio” Quando questo è infine più, molti partiti dovranno al mondo uno “Scusi„ gigante.

Bill Gross è fondatore ed ufficiale dell’investimento dei codirettori di Pimco